Pubblicato in: Songs

In Due (Song #17)

Canzone scritta e registrata nel 2014, l’ultima in ordine cronologico prima della lunga pausa. Che pausa non è, visto che ci sono una quarantina di brani nuovi da completare chissà quando.
Un brano scanzonato e tutto sommato estivo, l’ultimo inedito che pubblico nel blog (qualche altro ce n’è, ma resta sospeso per il momento).

Testo

Sommerso da una svista
tra queste mura
non posso contestare le parole che
da te
mi picchiano su in testa,
stravolgono le idee
e non ho neanche il tempo per pensare a me.

Sì, vengo a vivere con te
sveglia di notte,
che male!
Mi gira la testa,
ed eccomi qua…

Lo vedi, hai sempre fretta,
non vuoi aspettare,
io aspetto quel momento in cui
tu andrai a dormire.
Eppure mentre dormi
sai fare ancor più male,
risalta la bellezza sul tuo volto lieve.

Sì, vengo a vivere con te
sveglia di notte,
che male!
Mi gira la testa,
ed eccomi qua…

Trovare le parole
è il mio mestiere,
potrei pensarci tanto ma…
non sarei più gentile!
Estate maledetta,
non cuocer più la testa,
che già la solitudine
è un desiderio che costa.

Sì, vengo a vivere con te
sveglia di notte,
che male!
Mi gira la testa…

 

 Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.