Pubblicato in: Musica d'Altri

Atlantide – L’uomo ed il cane (1976)

Questo brano è tratto da un disco davvero particolarissimo per tanti motivi. Oltre a essere uno dei pochi esempi di dischi hard rock cantato in italiano (mi riferisco a quelli pubblicati negli anni ’70: ovviamente in seguito abbiamo avuto molto altro sul genere), gli Atlantide avevano la particolarità di essere una band formata da quattro fratelli lucani emigrati in Germania nel 1973, i fratelli Sanseverino. Tutto in famiglia quindi. Riuscirono a esibirsi anche di spalla agli Scorpions e a ottenere buone recensioni, fino alla pubblicazione, nel 1976, del loro unico album, intitolato “Francesco ti ricordi”.

Siamo quindi di fronte a un’incisione ruspante ma con un bel muro di suono. Il difetto maggiore sembra essere proprio questa scarsa attenzione alla pronuncia, con una marcata cadenza del Sud Italia (la -t che diventa -d, con parole come “gende”, “niende” e “ugualmende”), ma è un aspetto che rende simpatico il disco e ne accresce il fascino. Ho acquistato la ristampa su cd diversi anni fa, e devo dire che non me ne sono pentito, perché il disco è davvero piacevole, ben suonato – torrenziale oserei dire – e con una bella vena melodica.

Ho scelto di postare uno dei brani più brevi e diretti, intitolato “L’uomo ed il cane”.

 

 

 

Pubblicato in: poesia

Tre scene del XXI° secolo (Inedito)

Mentre vi ricordo che potete trovare “Le Stanze Dentro” anche su MondadoriStore e IBS (vi consiglio il primo perché ha copie disponibili, mentre amazon e Feltrinelli a quanto pare hanno esaurito la prima tranche di copie e occorre aspettare), il lavoro di scrittura continua.
A voi un’anticipazione di ciò che con tutta probabilità finirà in una seconda raccolta.

Tre scene del XXI° secolo

Pioggia di ferro scava acquari di sangue.
Alla maggiore età del secolo,
su pavimenti a sonagli,
ho raccolto tre frammenti.
Nel primo,
tra i fantasmi olivastri
delle Twin Towers,
nel madrigale dei tuoni metallici
restavano uncinati a pezzettini,
rampicanti su cespi di fiamma,
i versi a capo chino di Wisława Szymborska.
Tra fiordi rossi e magri
allevati col sangue di settembre,
facevano capolino paradisi di semi.
La gente, a casa, ripuliva dal fuoco le televisioni.
La seconda scena, a Mumbai.
Uomini neri ringhiavano ai tabernacoli
e volava una kippah nei cieli indiani,
facendosi larghissima
in testa al Taj Mahal.
Stregoni sulle altalene
trafiggevano agnelli.
La terza, a Paris.
Tremavano le sillabe di Offenbach,
crollando in tre tronconi:
Ba-rbarism
Ta-chisme
Clan-destin.
E per destino,
staccatesi da terra,
voleranno le scene in un dipinto,
abbracciate su locomotive di mandorli,
appese sulla stecconata magiara
che gela i migranti del Secolo Ventuno.
Così noi, affacciati
sugli angolini delle antologie,
scivolando con gli occhi a centro pagina,
come levrieri a vela torneremo.
Ritorneremo incastonati al centro
ad esser parte di qualcun altro,
se ognuno è sempre,
in parte,
un altro.

Mauro De Candia ©2018

Dipinto: Ali Banisadr, Contact (2013)

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Pubblicato in: Musica d'Altri

Styx – Man in the Wilderness (1977)

Bellissimo pezzo del 1977 degli americani Styx, una band purtroppo non troppo acclamata, nonostante una carriera davvero importante. Ci doveva pensare la soundtrack di Supernatural (la serie televisiva) a riportare in auge il brano e a renderlo noto e amato presso tanti giovani. Mi fa un po’ arrabbiare questo revisionismo modaiolo per la serie “la conosco solo perché è la canzone del telefilm”, ma in fin dei conti meglio scoprire una grande band in questo modo che lasciarla “morire” nell’oblio.
A voi, una delle più belle ballate rock dei 70s, Man in the Wilderness (dall’album The Grand Illusion, degli Styx).